Pagina:Eneide (Caro).djvu/260

[620-644] libro v 219

In van pria si tentaro, e molte volte620
S’avvisâr, s’accennaro e s’investiro.
A le piene percosse un suon s’udia
De’ cavi fianchi, un rintonar di petti,
Un crosciar di mascelle orrendo e fiero.
Cadean le pugna a nembi, e vèr le tempie625
Miravan la più parte; e s’eran vote,
Rombi facean per l’aria e fischi e vento.
     Stava Entello fondato; e quasi immoto,
Poco de la persona, assai de gli occhi
Si valea per suo schermo. A cui Darète630
Girava intorno, qual chi ròcca oppugna,
Quantunque indarno, che per ogni via
Con ogni arte la stringe e la combatte.
Alzò la destra Entello, ed in un colpo
Tutto s’abbandonò contro Darète;635
Ed ei, che lo previde, accorto e presto
Con un salto schivollo: onde ne l’aura
Percosse a vòto, e dal suo pondo stesso
E da l’impeto tratto a terra cadde.
Tale un alto, ramoso, antico pino640
Carco de’ gravi suoi pomi si svelle
D’un cavo greppo, e con la sua ruina
D’Ida una parte, o d’Erimanto ingombra.
Allor gridò, gioì, temè la gente,

[433-450]