Pagina:Eneide (Caro).djvu/258

[570-594] libro v 217

Mi ritraggono addietro. Io quando avessi570
O men quei giorni, o non men quel vigore
Onde costui di sè tanto presume,
Già per diletto mio seco a le mani
Sarei venuto, e non dal premio indotto,
Chè premio non ne chero. E pur qui sono.575
Disse, e sorgendo, due gran cesti e gravi
Gittò nel campo, e quelli stessi, ond’era
Solito a le sue pugne Èrice armarsi.
Stupîr tutti a quell’armi che di sette
Dorsi di sette buoi, di grave piombo580
E di rigido ferro eran conserti.
Stupì Darete in prima, e ricusolle
A viso aperto, onde d’Anchise il figlio
Le prese avanti, e i lor volumi e ’l pondo
Stava mirando, quando il vecchio Entello585
Così soggiunse: Or che diria costui
Se visto avesse i cesti e l’armi stesse
D’Ercole invitto, e l’infelice pugna,
Onde in su questo lito Èrice cadde?
D’Èrice tuo fratello eran quest’armi:590
Vedi che sono ancor di sangue infette
E d’umane cervella. Il grande Alcide
Con queste Èrice assalse: e con quest’io
M’esercitai, mentre le forze e gli anni

[363-415]