Pagina:Eneide (Caro).djvu/255

214 l'eneide [495-519]

Essere non può quando sia Salio il primo.495
     Enea così decise: Aggiate voi,
Generosi garzoni, i pregi vostri;
E nulla in ciò de l’ordine si muti:
Ch’io supplirò con degna ammenda al caso,
Ond’ha fortuna indegnamente afflitto500
L’amico mio. Ciò detto, una gran pelle
Presenta a Salio d’un leon getúlo,
C’ha il tergo irto di velli e l’unghie d’oro.
E qui Niso: O signor, disse, di tanto
Guiderdonate i perditori, e tale505
Di chi cade pietà vi prende; ed io
Di pietà non son degno nè di pregio,
Io che son di fortuna a Salio eguale,
E di valore a tutti gli altri avanti?
E ciò dicendo, sanguinoso il volto510
E livido mostrossi e lordo tutto.
     Rise il buon padre Enea, poscia un pregiato
E degno scudo, ch’a le porte appeso
Era già di Nettuno, ed ei riscosso
L’avea da’ Greci, con mirabil arte515
Dal saggio Didimáone construtto,
Venir tosto si fece, e Niso armonne.
Finiti i corsi e dispensati i doni,
Or - disse Enea - qual sia che vaglia ed osi

[347-363]