Pagina:Eneide (Caro).djvu/245

204 l'eneide [245-269]

Ne sentì ’l fiero giovine; e piangendo245
Di stizza, e non mirando il suo decoro,
Nè che Menete del suo legno seco
Fosse guida e salute, in mezzo il prese,
E da la poppa in mar lunge avventollo.
Poscia, ei nocchiero e capitano insieme250
Diè di piglio al timone e, rincorando
I suoi compagni, al sasso lo rivolse.
     Menete, che di veste era gravato,
E via più d’anni, infino a l’imo fondo
Ricevè ’l tuffo; e risorgendo a pena255
Rampicossi a lo scoglio, e sì com’era
Molle e guazzoso, de la rupe in cima
Qual bagnato mastino al sol si scosse.
Rise tutta la gente al suo cadere;
Rise al notare: e più rise anco allora260
Che’a flutti vomitar gli vide il mare.
     Memmo intanto e Sergesto, che del pari
Erano addietro, parimente accesi,
Su l’indugio di Gia preser baldanza.
Sergesto in vèr lo scoglio avea ’l vantaggio265
Del primo loco; ma non tutto ancora
Era il suo legno avanti, che la Pistri
Premea col rostro del Centauro il fianco.
E Memmo, confortando i suoi compagni,

[172-189]