Pagina:Eneide (Caro).djvu/241

200 l'eneide [145-169]

Lieti colmâr di doni i santi altari:145
Altri di lor le vittime immolaro;
Altri cibi ne fêro; e tutti insieme
Sul verde prato a convivar si dieero.
     Era già ’l nono destinato giorno
Sereno e lieto a l’orïente apparso,150
E già la vaga fama e ’l chiaro nome
Avea d’Aceste convocati intorno
I vicin tutti, e pieni erano i liti
Di gente, cui traea parte vaghezza
Di vedere i Troiani, e parte ardire155
Di provarsi con loro. In prima esposti
Con pompa riguardevole e solenne
Furo in mezzo del circo armi indorate,
Purpuree vesti, e tripodi e corone,
E più guise d’arnesi e di monete160
D’argento e d’oro, e palme ed altri premi
Di vincitori. Indi sonora tromba
D’alto diè segno ai desiati ludi,
E dal mar cominciossi. Avean di tutta
La teucra armata quattro legni scelti165
Più di remi e di remigi guarniti,
E di tutti più destri. Un fu la Pistri,
E Memmo la reggea: Memmo che poi
L’Italo fu nomato, e diede il nome

[100-117]