Pagina:Eneide (Caro).djvu/239

198 l'eneide [95-119]

A’ solenni spettacoli v’invito95
Di navi, di pedoni e di cavalli,
Al corso, a la palestra, al cesto, a l’arco.
Ognun vi si prepari, ognun ne speri
Degna del suo valor mercede e palma.
E voi datevi assenso, e tutti insieme100
V’inghirlandate. E, ciò dicendo, il primo
Del suo mirto materno il crin si cinse.
Èlimo lo seguì, seguillo Alete,
Un di verd’anni e l’altro di maturi;
Poscia il fanciullo Iulo; e dietro a loro105
D’ogni età gli altri tutti. Enea disceso
Dal parlamento, in mezzo a quante intorno
Avea schiere di genti, umile e mesto
Al sepolcro d’Anchise appresentossi:
E con rito solenne in terra sparte110
Due gran coppe di vino e due di latte
E due di sangue, di purpurei fiori
Vi nevigò di sopra un nembo, e disse:
     A voi sant’ossa, a voi ceneri amate
E famose e felici, anima ed ombra115
Del padre mio, torno di nuovo indarno
Per onorarvi; poi che Italia e ’l Tebro
(Se pur Tebro è per noi) ne si contende.
Or, quel ch’io posso con devoto affetto

[65-83]