Pagina:Eneide (Caro).djvu/238

[70-94] libro v 197

Demmo requie e sepolcro, e i mesti altari70
Gli consecrammo. Oggi è, s’io non m’inganno,
Quel sempre acerbo ed onorato giorno,
Chè onorato ed acerbo mi fia sempre
(Poi che sì piacque a dio), quantunque ovunque
Questo esiglio infelice mi trasporti:75
Pongami ne l’arene e ne le secche
De la Getulia; spingami agli scogli
Del mar di Grecia; ne la Grecia stessa
Mi chiugga, e dentro al cerchio di Micene;
Ch’io l’arò sempre per solenne, e voti80
Farògli ogni anno e sacrifici e ludi.
Or poi che da’ celesti, oltre ogni avviso
Nostro, tra’ nostri siamo in pruova addotti
Per onorar le sue ceneri sante,
Onorianle, adorianle, e dal suo nume85
Imploriamo devoti amici i venti,
E stabil seggio, ove gli s’erga un tempio,
In cui sian quest’esequie e questi onori
Rinnovellati eternamente ogni anno.
Due pingui buoi per ciascun nostro legno90
Vi profferisce il buon troiano Aceste.
Voi d’Aceste e di Troia i patri numi
Ne convitate; ed io, quando l’Aurora
Tranquillo e queto il nono giorno adduca,

[48-64]