Pagina:Eneide (Caro).djvu/237

196 l'eneide [45-69]

Di quella che ne serba il caro Aceste,45
E l’ossa accoglie del buon padre mio?
     Così vòlti a levante, e preso in poppa
Il vento e ’l flutto, a tutta vela il golfo
Correndo, fur subitamente a proda
De l’amica riviera. Avea di cima50
Visto d’un monte il cacciatore Aceste
Venir la frigia armata: onde in un tempo
Fu con essi a la riva; e rincontrolli
Allegramente, sì com’era incólto,
Di dardi armato e d’irta pelle cinto55
Di libic’orso, umano insieme e rozzo,
De la troiana Egesta e di Criniso
Fiume onorato figlio. Ei degli antichi
Suoi parenti membrando, con gioioso
Volto, se ben con rustico apparecchio,60
Gl’invita, gli riceve e gli consola.
     Era de l’altro dì l’aurora e ’l sole
Già fuor de l’onde, allor che ’l frigio duce,
Convocati i suoi tutti, alto in un greppo
Posto in mezzo di lor così lor disse:65
     Generosi e magnanimi Troiani,
Degna prole di Dardano e del cielo,
Questa è l’amica terra, ove oggi è l’anno
Ch’a le sante ossa del mio padre Anchise

[30-47]