Pagina:Eneide (Caro).djvu/167

126 l'eneide [545-569]

De le furie materne, anzi agli altari545
Del padre Achille, insidïosamente
Tolse la vita a lui. Per la sua morte
Fu ’l suo regno diviso, e questa parte
De la Caonia ad Eleno ricadde,
Che dal nome di Càone troiano550
Così l’ha detta, come disse ancora
Ilio da l’Ilio nostro questa ròcca
Che qui su vedi; e Simoenta e Pergamo
Queste picciole mura e questo rivo.
Ma te quai venti, o qual nostra ventura555
Ha qui condotto, fuor d’ogni pensiero
Di noi certo, e tuo forse? Ascanio nostro
Vive? cresce? che fa? come ha sentito
La morte di Creusa? E qual presagio
Ne dà, ch’Enea suo padre, Ettor suo zio560
Si rinnovino in lui? Cotali Andromache
Spargea pianti e parole; ed ecco intanto
Il teucro eroe che de la terra uscendo,
Con molti intorno a rincontrar ne venne.
Tosto che n’adocchiò, meravigliando565
Ne conobbe, n’accolse, e lietamente
Seco n’addusse, de’ comuni affanni
Molto con me, mentre andavamo, anch’egli
Ragionando e piangendo. Entrammo al fine


[331-349]