Pagina:Eneide (Caro).djvu/158

[320-344] libro iii. 117

Ma chi mai ne l’Esperia avria creduto320
Che regnassero i Teucri? E chi credea
In quel tempo a Cassandra? Ora, mio figlio,
Cediamo a Febo; e ciò che ’l dio del vero
Ne dà per meglio, per miglior s’elegga.
     Ciò disse, e i detti suoi tosto esseguimmo;325
Ed ancor questa terra abbandonammo,
Se non se pochi. N’andavamo a vela
Con second’aura; e già d’alto mirando,
Non più terra apparia, ma cielo ed acqua
Vedevam solamente, quando oscuro330
E denso e procelloso un nembo sopra
Mi stette al capo, onde tempesta e notte
Ne si fece repente, e di più siti
Rapidi uscendo imperversaro i venti;
S’abbuiò l’aria, abbaruffossi il mare,335
E gonfiaro altamente e mugghiâr l’onde.
Il ciel fremendo, in tuoni, in lampi, in folgori
Si squarciò d’ogni parte. Il giorno notte
Fessi, e la notte abisso: e l’un da l’altro
Non discernendo, Palinuro stesso340
De la via diffidossi e de la vita.
     Così tolti dal corso, e quinci e quindi
Per lo gran golfo dissipati e ciechi,
Da buio e da caligine coverti,


[186-202]