Pagina:Eneide (Caro).djvu/155

114 l'eneide [245-269]

O cadeva o languiva; e la semente245
E i frutti e l’erbe e le campagne stesse
Da la rabbia di Sirio e dal veleno
De l’orribil contage arse e corrotte,
Ci negavano il vitto. Il padre mio
Per consiglio ne diè che un’altra volta,250
Rinavigando il navigato mare,
Si tornasse in Ortigia, e che di nuovo
Ricorrendo di Febo al santo oracolo,
Perdon gli si chiedesse, aita e scampo
Da sì maligno e velenoso influsso,255
Ed alfin del cammino e de la stanza
Chiaro ne si traesse indrizzo e lume.
     Era già notte, e già dal sonno vinta
Posa e ristoro avea l’umana gente,
Quando le sacre effigi de’ Penati,260
Quelle che meco avea tratte dal foco
De la mia patria, quelle stesse in sogno
Vive mi si mostrâr veraci e chiare,
Tal piena, avversa e luminosa luna
Penetrava, per entro al chiuso albergo,265
Di puri vetri i lucidi spiragli;
E com’eran visibili, appressando
La sponda ov’io giacea, soavemente
Mi si fecero avanti, e ’n cotal guisa


[140-153]