Pagina:Eneide (Caro).djvu/151

110 l'eneide [145-169]

Danne, padre Timbrèo, propria magione,145
E propria terra, ove già stanchi abbiamo
Posa e ristoro, e ne da’ stirpe e nido
Opportuno, durabile e securo:
Danne Troia novella; e de’ Troiani
Serba queste reliquie, che avanzate150
Sono a pena agli storpi, a le ruine,
Al foco, a’ Greci, al dispietato Achille.
Mostrane chi ne guidi, ove s’indrizzi
Il nostro corso, a qual fia ’l nostro seggio.
Coi tuoi più chiari e manifesti augúri,155
Signor, tu ne predici e tu n’ispira.
     Avea ciò detto a pena, che repente
Il limitare, il tempio, e ’l monte tutto
Crollossi intorno; scompigliârsi i lauri;
Aprissi, e dagli interni suoi ridotti160
Mugghiò la formidabile cortina.
Noi riverenti a terra ne gittammo;
E ’l suon, ch’era confuso, a l’aura uscendo,
Articolossi, e così dire udissi:
     Dardanidi robusti, onde l’origine165
Traeste in prima, ivi ancor lieto e fertile
Di vostra antica madre il grembo aspettavi.
Di lei dunque cercate; a lei tornatevi:
Ch’ivi sovr’ogni gente, in tutti i secoli


[85-97]