Pagina:Eneide (Caro).djvu/149

108 l'eneide [95-119]

E che per te non osa, e che non tenta95
Quest’umana ingordigia? Or poi che ’l gielo
Mi fu da l’ossa uscito, ai primi capi
Del popol nostro ed a mio padre in prima
Il prodigio refersi, e di ciascuno
Il parer ne spiai. Via, disser tutti100
Concordemente, abbandoniam quest’empia
E scelerata terra; andiam lontano
Da questo infame e traditore ospizio;
Rimettianci nel mare. Indi l’essequie
Di Polidoro a celebrar ne demmo;105
E, composto di terra un alto cumulo,
Gli altar vi consacrammo a i numi inferni,
Che di cerulee bende e di funesti
Cipressi eran coverti. Ivi le donne
D’Ilio, com’è fra noi rito solenne,110
Vestite a bruno e scapigliate e meste
Ulularono intorno; e noi di sopra
Di caldo latte e di sacrato sangue
Piene tazze spargemmo, e con supremi
Richiami amaramente al suo sepolcro115
Rivocammo di lui l’anima errante.
Nè pria ne si mostrâr l’onde sicure,
E fidi i venti, che, del porto usciti,
Incontinente ne vedemmo avanti


[56-72]