Apri il menu principale

ecce homo 104


«Ma io vivo nella mia propria luce, io mi ribevo le fiamme che erompono da me.

«Io non conosco la felicità di chi prende; e più volte sognai che il rubare dev’essere molto più dolce del prendere.

«La mia povertà sta in questo, che la mia mano non si stanca mai di donare; la mia invidia è di vedere occhi che attendono e notti illuminate dal desiderio.

«Oh sventura di tutti quelli che donano! Oh oscuramento del mio sole! Oh cupidigia del desiderare! Oh fame atroce nella sazietà!

«Essi prendono da me: ma son io ancora in contatto con la loro anima? C’è un abisso fra il dare e il ricevere; e l’abisso più stretto è il più difficile da passare.

«Un appetito nasce dalla mia bellezza: vorrei fare del male a coloro per cui risplendo, vorrei derubare coloro cui faccio doni; tale è in me la fame di malvagità.

«Ritirare la mano quando già un’altra mano si tende verso di lei, simile alla cascata che, nel precipitare, indugia; tanta è la mia fame di malvagità.

«Tale vendetta inventa la mia pienezza; tali perfidie scaturiscono dalla mia solitudine.

«La mia felicità nel donare svanì col donare; la mia virtù si stancò di sè stessa per la sua abbondanza!

«Chi dona sempre corre pericolo di perdere il pudore; chi distribuisce sempre ha mano e cuore incalliti per il troppo distribuire.

«Il mio occhio non ha più lagrime per la vergogna dei supplicanti; la mia mano è troppo indurita per sentire il tremito di mani ricolme.

«Donde venne la lagrima al mio occhio, e il callo al mio cuore? Oh, solitudine di tutti coloro che donano! Oh, silenzio di tutti coloro che splendono!

«Molti soli ruotano nello spazio deserto: a tutto ciò ch’è oscuro essi parlano, con la loro luce; con me, tacciono.