Apri il menu principale
80 ecce homo

stiere, non è privo d’interesse quell’aspro brano di psicologia del dotto che appare qui d’un tratto: esso esprime il senso della distanza, la piena sicurezza di ciò ch’è il mio còmpito e di ciò che può essere soltanto mezzo, tregua, lavoro accessorio. È della mia saggezza l’essere stato molte cose in molti luoghi diversi per poter diventare uno, per poter giungere ad una cosa. Per un certo tempo dovetti essere anche un dotto.