Pagina:Due novelle aggiunte in un codice del MCCCCXXXVII.djvu/32

12

facciano. Disse il fornaio: E voi e tutte le altre siete ad una lega. La fante facendo grandi risa, fu molto dalla donna ripresa; perchè parendo al fornaio per quella prima volta assai avere fatto, avendolo la donna più volte con viso turbato accombiatato, alla fante comandò il pane per la seguente mattina, e partissi. E come partito fu, disse la fante alla donna: Oh non intendete voi il fornaio? Rispose la donna: Mainò che non lo ’ntendo. Disse la fante: Io lo ’ntendo bene io, e dicesi molto bene il vero di ciò che e’dice. Voi sete giovane e bella e sanza marito, disagio avendo di quello che le maritate hanno divizia, dicendo sempre pur di no: ma, alla croce di Dio, io non sona stata di quelle mentecatte: io non m’ho che repitare1 di nulla, però che tempo perduto non si ristora giammai. E da che diavolo sarete voi quando vecchia sarete, che non trovarete cane che v’abbaj, e il

  1. Pentire.