Pagina:Discorsi delle famiglie nobili del Regno di Napoli del signor Carlo Lellis (Parte terza).djvu/111

94 D E L L A   F A M I G L I A

to le memorie già addotte per far conoscere, che questa Famiglia è stata molto gloriosa ne’suoi Antenati; e benche negli ultimi tempi fusse diminuita d’huomini, e di fortuna; sempre però hà conservato il preggio della sua nobiltà riguardevole in qualunque tempo, e stato.

L’armi, ò Insegne di questa Famiglia usate anticamente furono d’un Campo diviso; in cui nella parte inferiore, che occupava due terzi del Campo, eran sei sbarre azurre, e d’oro alternatamente traversate dalla sinistra alla destra, e nella parte superiore in Campo azurro sorgeva un Leon d’oro fin al petto, con le branche distese, e faccia volta alla sinistra e coda rivolta in dentro; come si vede in un sepolcro antico d’Andrea di Palma degli anni 1319. nella chiesa di San Fracesco in Nola; poi in luogo del Leone con occasione del Dominio di Palma, vi fù posto un ramuscello di Palma in mezzo à due rose vermiglie; pigliandolo dall Insegne del medefimo Castello di Palma, che sono tré rami di Palma annodati insierne; trasferendo sul cimiero il Leon d’oro con un’altro ramuscello di Palma nelle branche, per l’istessa raggione della Signoria di Palma.



Discorsi delle famiglie nobili del Regno di Napoli del signor Carlo Lellis (Parte terza) (page 111 crop).jpg