Apri il menu principale

Pagina:Dickens - Il grillo del focolare, 1869.djvu/29


— 29 —

In questo mentre l’attonita servetta, dotata della facoltà meccanica di riprodurre a brani i discorsi che udiva per divertire il bambino, togliendo ad essi ogni buon senso e mettendo al plurale tutti i nomi, incominciò a cantarellare con voce sonora, che i Gruffi e i Tacletoni che vendevano i trastulli per i bimbi erano andati a prendere le chicche de’ pasticcieri e che le nostre mamme scoprono ogni cosa quando i babbi portano a casa le focacce, e così di seguito.

— Ella ed io, caro Gianni, eravamo compagne di scuola, e le cose dovranno andare cosi?

Gianni che nel tempo della scuola già pensava a Piccina o era per pensar di lei, la guardò con tenera compiacenza, ma nulla rispose.

— Colui è tanto vecchio! Così dissimile da lei! Quanti anni ha più di te, caro Gianni?

— Tanti quante tazze di thè berrò questa sera di un fiato, e scommetto che saranno quattro, riprese Gianni allegramente accostando la sedia alla tavola tonda e dando di mano al prosciutto. E mentre mangiava continuò a dire: io mangio poco, Piccina, ma quel poco mi fa pro’, non è vero?

Sempre così; ma questa sua innocente

Il Grillo del focolare 3