Apri il menu principale

Pagina:Dickens - Il grillo del focolare, 1869.djvu/145


— 145 —

rica, il mio proprio figlio! Tu lo accompagnasti quando s’imbarcò e sempre gli sei stato amico.

Il carrettiere si avanzò per stringergli la mano, ma trepidò parendogli di riconoscere i lineamenti del sordo del carro e disse:

— Edoardo, sei tu?

— Ora ditegli tutto, esclamò Piccina, ditegli tutto, Edoardo, e non mi risparmiate, non voglio più nascondergli nulla, no, no!

— Io era quell’uomo, disse Edoardo.

— Ed hai potuto penetrare travestito nella casa del tuo vecchio amico? rispose il carrettiere. Eravi altra volta un giovane leale.... quanto tempo è Caleb, che l’abbiamo creduto morto e pensammo averne le prove? Quel giovane era incapace di simile azione.

— Aveva altra volta un amico generoso, più padre che amico, disse Edoardo, che non avrebbe giudicato me od altri senza difesa. Tu eri quell’amico e sono certo che ora vorrai darmi ascolto.

Il carrettiere gettò su Piccina, che rimaneva in disparte, uno sguardo pieno di turbamento e rispose:

— È giusto, vi ascolto.

— Dovete sapere, disse Edoardo, che