Apri il menu principale

Pagina:Dickens - Il grillo del focolare, 1869.djvu/143


— 143 —

il perchè, ma udendolo esclamasti: di chi è quel passo? Perchè ti aveva colpito più di un altro? Ma, come appunto vi diceva, accadono grandi, grandissimi cambiamenti in questo mondo, e quel che possiamo far di meglio è di essere preparati ad ogni evento.

Caleb chiedeva maravigliato a sè stesso ciò ch’ella volesse intendere con quelle parole dirette a lui ed alla figlia, e con grande sbalordimento la vide poi agitata e quasi priva di respiro appoggiarsi ad una sedia per non cadere.

— È proprio il rumore delle ruote, sclamò ella anelante; si avvicinano di più in più: eccole giunte. Udite! Si fermano al cancello del giardino, riconoscete quel passo, il passo di ieri, Berta, ed ora....

Ella diè un grido acuto di irrefrenabile gioia, e correndo a Caleb gli pose la mano su gli occhi, mentre un giovane si precipitava nella stanza e gettando in aria il cappello si slanciava verso di loro.

— È fatto? gli gridò Piccina.

— Sì.

— Felicemente?

— Sì.

— Vi rammentate di questa voce, caro