Pagina:Della Porta - Le commedie II.djvu/198

172 la cintia

e perseverante? e chi di me piú cieco, piú ingrato e piú disamorevole? Poiché tante volte sotto altri nomi e altre persone, in tanti sonetti, in tante elegie, in tante cifere m’hai narrati gli accidenti degli amori tuoi, ed io tanto ignorante non intendeva e non penetrava il secreto, or come potevi tu piú dolcemente beffarmi? con quai piú onorati modi potevi tentar l’animo mio? con qual piú grazioso effetto potevi scorger la mia disamorevolezza? Ed io con tante villane e discortesi parole e al fin con fiere pugnalate ho voluto pagarti di tanto amore! Al fin non riuscendoti meco alcun disegno, volevi morire e morir per le mie mani. Dio sa che sia ora di te, che, non ti riuscendo il morir per le mie mani, dubito che ti sarai uccisa con le tue; e se non sei morta, sarai poco lontana dalla morte, che giá ti scorgeva i segni nel volto spiegati dalla disperazione. Hai voluto pagar, o invittissima donna, la colpa delle mie sciocchezze con la tua morte: il che ha dato a questo core un perpetuo tormento, a questi occhi perpetue lacrime; anzi mi ucciderò con le mie mani, che veramente mi conosco indegno di piú vivere, infame mostro, senza anima e senza core!

Sinesio. Ma perché tratdeni te stesso e me consumando questo tempo in dolerci? corri e senza lasciar punto di sollecitudine va’ ricercandola per una strada, ed io per un’altra; forse l’incontraremo. Io vado ringraziando sempre la divina bontá che mi dia per nuora una donna di si mirabil condizione!

Erasto. Vado. Ma eccola che viene. O dolcissima vita dell’anima mia, mira come sta in estasi rapita da se stessa, e se ben mesta e afflitta, pur spira di un generoso ardire!

SCENA IV.

Cintia, Erasto.

Cintia. Io ho gran dubio che, quando disavedutamente mi sfibiai il giubbone, Erasto se sia accorto ch’io fussi femina, e però ridrò la spada e non m’uccise; ma se la sua spada mi perdonò la vita, non me la perdonerá il veleno. Ahi! che il mio