Apri il menu principale

Pagina:Della Croce - L'historia della publica et famosa entrata in Vinegia del serenissimo Henrico III, 1574.djvu/23


feconda il Signor Duca di Jfuers,il Signor Don. Alfonfi d’Ffie,fr vno Signor di qualità Franccfe, a due altre fanale poi molto lungue poSle più baffo nel piano ordinano fedemno gli altri Clangimi femori della Republica. il banchetto fk laut.jfimo, e famofgfmo per la molta copia, fr varietà dipretiofiffime viuande, è tra quefie confcttiom, e gitecari diuerft in gran numero, che afeendeuano à mille & dui cento piatti, che ded’vno, e l altre ve ri eia abbondante quantità, fendo flato fatto preparamento per il mangiare di tre milita perfine, che non fi poteua limonare ne deflicr,are altro apparato maggiore.Ma il Rf bauendo mangiato a fuafidisfattione,frfattofì portatele frutta diede occafione, cheli Signori Duchi di Sauoia,e Ferrara in atto dir inerenza leuaffero da fattola, ftando m piedi preffi la MacStafua, il che veduto dagli Mmbafciatori, è dalli altri Signori, fileuoronoanch’effi, efua -JUaeflà fatto fi dare l’acqua alle mani, leuò medemamente, c con tale modo fi finì di pranfare prima, che Mero portatela

meta delle viuande,e furono m vno tratto difaparate tntte le tauole^j.. Re. ft at0 y ™ f e ^$ in f le

  • * fionorono con mirabili concerti, e dopò finito la MaeSìafua, fi nttironelle flange Ducali à ripofarfi c dimorali circa vn bora fu accompagnata m Bucintoro co’l medemo ordine al fio palagio GmedaU’mprouifi sàie vinti vn’hora andò primtamente in gondola con fuochi defuoi a vifitàre il Duce e Senato Screnifsimo che Slattano dì già in Tregadi,il cui atto d humamta,piacquefipra modo à tutto l Senato, e diede non puoea contenterà afta Serenità, frà tutti quelli lllufinfsimi padri,e nel ritorno fù accompagnata da tutti fino alle rippe in Gondola, c nel partire fu falutata dalle naui,e Galee da molti un d’artiglieria. Dopò partita fi riduffi infìeme l lUufiriffimo conftgho di Diece, nel quale fu dichiarato nobile veneto il Signor Duca di Sauoia,epropoSlo, e deliberato di chiamare gran Confìglio perii giorno Seguente per dare maggiore contentoafuaMaeflà che defideraua vederi ordine* che fi ojferusuarteli ElettmemdiSìnbmreimagifir A ti,e regimenti, la qualenelmedemo instante cheparti dal Ducale palagio fi n’andò à vedere il fiudiodel ReuerendfsimoTatrurca d’Mqmlea tanto celebrato per lefue molte, e belleanticaS l, ed l flatne, e medaglie, & verfo la fera per diletto maggiore ddkt ’Maeftà Sua dcUartn’Vmf t n0 dl ClUa X!r Gentl ^onnc fieìle pr enopoli,c più belle donne della Citta, ornate riccamente di gioie, e periodi molto valore, che per lifleffa rnalim furono comitate con loro magnifici mariti ad vno fintnofìfsimo banchetto che fece detto Signor, all llluflnfsmo Cardinale legatogli Signori Duchi, fr ad altri gran Signori, e nell entrare, franco nellvfare le Sfatto vna bella: v fi»*