Apri il menu principale

Pagina:Deledda - La giustizia, Milano, Treves, 1929.djvu/80


— 72 —

rosso liquido, vivo come corallo, che non turbavano ma anzi rendevano più nitida la tinta celeste dello sfondo. E i buoi, specialmente i due dal chiaro profilo, si disegnavano nitidamente su quel fondo cerulo, solcato di corallo: gli eleganti melograni dal vivissimo verde e dai frutti sanguinanti lasciavano intraveder l’orizzonte attraverso un sogno di intensa luce.

Ma sopra tutto dominava la purissima e fragrante scena campestre un ragazzo, il guardiano de’ buoi, ritto sul muro: la sua personcina, ergendosi nera e sottile, pareva campeggiar sull’orizzonte, sul fondo marmoreo delle lontane montagne.

Don Piane si fermò e sollevando il viso domandò:

— Di chi sono questi buoi?

— I nostri! — gridò il ragazzo, e la sua voce parve scendere da una grande altezza.

— E tu di chi sei?

— Di mio padre!

— Oh, di’, parla bene, o con chi ti credi? — gridò Stefano con voce rauca, sollevando la testa e il bastoncino.

— Son figlio di Simone Sacco vuoto, rispose il guardiano intimorito.

Don Piane rivolse altre domande, e mentre egli confabulava col ragazzo, dall’opposto lato della strada Maria diceva a Stefano, sollevando il viso ed il braccio: