Apri il menu principale

Pagina:Deledda - La giustizia, Milano, Treves, 1929.djvu/282


— 274 —


A nninnia a ssa nninna:

Bellu trattende pinna,
In banca su gappellu,
Trattende pinna, bellu,
Cun manu dresta e mmanca,
Cu ssu gappellu in banca,
Cun bonu gradu e sèa
Posadu i-ssa cadrèa,
Cun sea e bonu gradu
I-ssa cadrea posadu.
E ti vèttana gortha Torrende su rispostha.
Ti tocchene sas manos Tottu sos capitanos.
E ti fèttana unore Primo Superiore.
Chi ti la facat Ddeu:

A nninna, frore meu.1


Di tutte queste e d’altre superbe profezie della sua balia, rimasta lungamente al servizio

  1. Ninna-nanna, ninna-nanna:

    O bello, (che io possa vederti) adoprando la penna,
    Con sul tavolo il cappello,
    Adoprando la penna, bello,
    Con mano destra e manca.
    Col cappello sul tavolo,
    Con alti gradi e cariche
    Posato sulla sedia
    (questa frase significa: possa io vederti in alta posizione).
    Con carica e alto grado
    Sulla sedia posato.
    E ti faccian omaggio
    Quando tu darai i tuoi responsi.
    Ti stringano la mano
    Tutti i capitani (alti personaggi),
    E ti faccian onore
    (Come lor) primo superiore.
    Tutto ciò ti conceda Iddio:

    Ninna-nanna, fior mio.