Apri il menu principale

Wikisource β

Pagina:De Amicis - Ricordi di Parigi, Treves, Milano 1879.djvu/24


il primo giorno a parigi 21


aiutata da immagini grottesche di diavoli e di fantocci alti come case, che v’assedia, vi opprime, vi fa maledire l’alfabeto. Quel Petit journal, per esempio, che copre mezza Parigi! Ma bisogna ammazzarsi o comprarlo. Tutto ciò che vi si mette in mano, dal biglietto del battello al con­trassegno della seggiola su cui riposate le ossa nel giardino pubblico, tutto nasconde l’insidia della réclame. Persino le pareti dei tempietti, dove non s’entra che per forza, parlano, offrono, raccomandano. Ci sono in tutti gli angoli mille bocche che vi chiamano e mille mani che v’ac­cennano. È una rete che avvolge tutta Parigi. E tutto è economico. Potete spendere lino all’ul­timo centesimo credendo sempre di fare econo­mia. Ma quanta varietà di oggetti e di spetta­coli! Nello spazio di quindici passi vedete una corona di diamanti, un mazzo spropositato di camelie, un mucchio di tartarughe vive, un qua­dro a olio, una coppia di signorine automatiche che nuotano in una vaschetta di latta, un vesti-