Apri il menu principale

Wikisource β

Pagina:De Amicis - Ricordi di Parigi, Treves, Milano 1879.djvu/137

134 ricordi di parigi.


vole. Egli è un poeta popolare e un tribuno vittorioso, e porta sulla corona d’alloro come un’aureola sacra di genio tutelare della patria. È arrivato a quel punto culminante della gloria, oltre il quale non si può più salire che morendo. La sua casa è come una reggia. Scrittori ed artisti di tutti i paesi, principi ed operai, donne e giovanetti, entusiasti ardenti, vanno a visitarlo. Ogni sua apparizione in pubblico è un trionfo. La sua immagine è da per tutto, il suo nome suona ad ogni proposito. Si parla già di lui come d’una gloria consacrata dai secoli, e gli si prodigan già quelle lodi smisurate e solenni che non si con­cedono che ai morti. Ed egli è ancora pieno di vita, di forza, d’idee, di disegni, ed annunzia ogni momento la pubblicazione d’un’opera nuova. Ecco l’uomo di cui intendo di scrivere oggi. Dopo l’Esposizione universale, Vittor Hugo. Un argomento val l’altro, mi pare.