Pagina:De' Rinaldi - Il mostruosissimo mostro, 1584.djvu/86


8 4 Fenice. augello vnico al mondo. come moftra il Petrarca, dicendo. Ne’n ciel, ne’n terraè { >iù d’vna fenice. però diremo quefto vccelo efler accommodatainfegna, per coloro, che hanno il penliero intento à gloriofi fatti, S^honori. come ci moftra Bernardo Taflo.nei fuoi amori in quel fonetto.Viuace auge!, che nell’Arabia nalci. dicendo Tufragli augelli fai, quel fol, ch’afpira Con la tua infogna) a [empitemi honorU Ouero conuienfi à coloro, che fi prefumono ef ferevnichi al mondo, ò in fortezza,o in ama re, & limili. però diceua l’Ariofto nel canto trentèlimofetrimo, allaottaua 17. Jldarfifa fe ne vienfuor della porta, E y òpra l’arme vna fenice porta. Ofia perfuafuperbia, dinotando Se fteff1 vnica al mondo in eff? forte, O purfua cafla intention lodando, Di viuer fempre maifinza confòrte. Fenice nel fuoco, fign.io vino, Se moro per tuo amore, l’amorofo fuoco.che per te mi fcalda mi dà vita. Se morte, quali dica. Comefenice t cherinoua al fuoco, Così è per voi quefl’alma, che v‘honora t More, e rinafee mille volte l’hora. Feno, ò fieno, fignif.à fè nò, ne più fia, che ’vi preftt fede. Fefta.fign.allegrati, 8 c fa fefta,che ancora ftà,& durala data tède. Ferro, lignifica, tu fei feroce, crudele, certo conofco, che la tua ferocità, & crudeli tà mi farà morfte,quali dica, come Ouidio, nel principio della epiftola io. Meno feroce, e meno cruda, & afpra, Di te hò trouato ogn altra fera cruda. Fiamma