Pagina:De' Rinaldi - Il mostruosissimo mostro, 1584.djvu/83


8r rifco quelle cofe, ellefòmmamentemifpiaciono. Elice arbore.fignif. è lecito, ftà bene il ftar fu Ja fua, ma certo il troppo nuoce. però piegati hormai, & non edere così dttra,acciò che ma le nó ten’auéga.diceua l’Alciato ne’fuoijEm blemi, che quefto arbore, per la fua durezza nel volerlo piegare fi fpezza, & rompe. Endego, ouero Endico. fignif. io ne dò volontari di queilojcheio hò, &T te lo dico, però accettalo, & guarda alla grandezza dell’animo mio, & non al picciolo dono. Endiuia.fign.io andai via, perchè conobbi, che le cofe paflauano fredd am en te. Efca ò di grano, ò d’altra codi da mangiare.fig. tu mi dai l’efca, tu mi moftri i 1 mele,& afcon di il fele, perchè pigliar mi voreftì, pero cerca pure altra ftrada, che io ti sò dire, che nó mi ci corrai, quali dica, come l’Ariofto nella Satira’ Piftofilo. Cerca pur quefl’fJamo, Coprir d’a/tr’efca-Je pigliar mi vuoi. Efca da fuoco, fign.io lon l’efca d’amore, tutto perteardo,&abbruggio, quafi dica, come l’Innamorato Petrarca. Efca, e folfo fon tutto, & il cor foco. F Ace ò fàcella, vedi fiamma di fuoco. Fabiano,ò penna, fignif. tu non fai già, come ioleui, tu lei diuentaco altro, da quello } che eri, tu ti fei folto molto folle, & inftabile, di quefto vccello, parlandone l’Arioftò dice. Hor con fugaci can’ifagian folli,&c. Fagiuoli. fign.fà gioia, & allegrezza, de quello, che ’vuoi, che di ciò non mi curo, ne vi pen fo, F Faggio,