Pagina:De' Rinaldi - Il mostruosissimo mostro, 1584.djvu/80


effere riffa alcuna» ma Tempre vnanimi, & interne affretti viuere; ]a quale inuentione fù ài SoJone,il quale, per dar ciò ad intendere, ^^r^SìssSssss: rZlu eggein PJ u tarco nelJa v ’ Ca di Solone. i^rmeJlo, ouero cribro, troua vaglio. CocaIa,ò penna, troua ftner<*o. ° Croco, ò zafrano. fignif. già°fù, che tu mi eri à cuore,giàfì eraroco,&Jafloper tuoamore, ma hora il tempo è paflàto. Crocodilo. fign. il tuo piangere, &lagrimare è rallo. con quefto tuo pianto, mi ci vorefti m ghere e? Ma à fi, che non mi ci corrai che bene conofc^che quefte tue lagrime fono di Crocodilo dicono,che quefto animale quauora ° CCI ^° ^ uom °jIo piange, & poi Io <JiCrofto di pan, ò di qual fi voglia coffa, tro.fcorza Croto augello penna fig. tu fei corrotto, non più fei quello,che già eri, ti Tei mutato.fei diuenutoaltr huomo da quello, ch’eri Cucco,ò cuccolo, ò penna.fig. tu non fei altro» b^ r ^gSre“ SS,,0 ’ CheÌ,0nl Cufia. fignif. fia come tu vuoi, la ferà à tuo mo Cuoio, vedi corame. Cuore.iìgn.io ti hò donato il cuore, non fono d altri, fe non tuo. à te fola, hò volto il cuore nel mio cuore fei viua fcolpita, si che mai nò mi potrò fiegare da te. quafi dica, come l’in minorata Bradamantealfuo Rudero Ar m fuo nom e l ’A riofto. 00 * 2 ^ 0» hauete a temer, che informa nona intagliar il mio cor, mai pìifif offa. Si