Pagina:De' Rinaldi - Il mostruosissimo mostro, 1584.djvu/78


più Che coltrine, To! tììTW 0 c e ’ tn? m ° bUi >ccattanti. “& mf - to g l *> &Con quello tello, & ar. ma datila mortepaflatnl cuore,chefarai poi J) beta d ogni cola. La onde dice ua l’Andito Har queft 0, hor quel fregando và, che porto * Lejta vn coltei, si che nel cor fi f em Cornea ftella. fign,f.faft|idti/reSi, & in. foitunio.dicono quelle comete non apparire mai,fé non q n qualche danno, ò infeltriràS per raifare trà prencipi, ò trà le genti. però dice il Sannazaro nella profafettim a. f Sotto infeliceprodigio di comete. 1 t0 Cornino, ouero Cimino, fignif.non mn r g«er".t’^ VOrr£<ÌÌ S iu ”2«e & c£ • ipel °- tr °“ Conocchia, troua, rocca. Confetti, di che forte fi fiano. lignifica non „r belle, & dolci parole, come &fm. per //// c JfSS-SS5sSSS. fa,,,m#d, “»-» Corallo, fignif. io l’hò à cuore cuore, che quali mi accoro. * am ° dl Core, troua, cuore. Cordella, ó cordone, fignifio ti dono il cuore &Ha cora della; fon unto tuo. e» Correggia cinto largo, figmf. già mi l e o a ft;», aftm.geft.il cuore ad amarti ma hora fon £ g Tcuor?: Ù ^ tCml CUr0 ’ n ° n mÌ ^ cornerà Corbo, ò penna, vedi conio. Corbezoio. troua, forbo. Coriandro.