Pagina:De' Rinaldi - Il mostruosissimo mostro, 1584.djvu/73


Cardo herba. lignif.si che io ardo crudele, &T* tu cruda no’l credi? quafi dica, come ii Petrarca, in quel Tonetto. Laffo, ch’io ardo, & altri non mel crede, Si crede ogni huom,fe non fola colei, Che four’ogni altra, e chi fola vorei, Ella non far, che’l creda, e fifel vede. Carne falata, troualàlame. Carro.fign.tu mi Tei caro, &à cuore. Carobbe. lìgn.tu feiii mio caro bene, tu fola mi puoi far beato. Carta bianca, fignif. io ti addimando pace,fom mettendomi à ciò che ti piacerà, & parerà.il foglio bianco trà gli antichi fù fegno,porgen dolo al nemico,di addimandarli pace, voien do dire.fcriuiquellojcbeti piace,che humil méte mi fottoporrò à ciò,che ti parrà difcriuere.però dice l’Anoftonel càto9.ali’ottaua <JMa poi,ch’vno, & vn altro pur s’accorge, (iS. i ìs 4 l’h abito, al parlar, ch’eran felandi. Chiede lor pace, e il bianco foglio porge, E dice al capitan, che li commandi. Cafcio. troua formaghio. Caftagna. fign. ftà cada, & pudica, & di fatti,& di parole, fà che tu fia vna caftaagna, òagnel la, come fi Tuoi dire. Calila, fign.io ti caffo, di te più non mi curo, ne più voglio ruaamicitia. Cathena.fig.io fon tuo fchiauo. le tue pellegrine bellezze di maniera mi hanno i ncachenato,& prefo,che più da te (legar non mi pollo. Amore mi hà reco legato, con indiffolubile cathena.q.d.come il Parabofcoin qlTonetto Se mille, e mille al d) rompeff? & Amore, De le cathene, ondiio legato, & inuolto Son in mill’anni non farei difciolto > E 4 Tante