Pagina:De' Rinaldi - Il mostruosissimo mostro, 1584.djvu/127


17 f quafi dica, come il Petrarca. lajfo ’non di diamante, ma di vetro, Foggio di man cadérmi ognifperan^a. Vetro chriftallo.fig.amor lucido, e chiaro,&chc non con tiene in fe nulla di brutto. Villano,ò pénafig.tu fei vn villano,& difcortefe. Vino.fig.ftà allegro,& fcacciada te ogni meftma viui aTlegro.però diceua il San.] Nó fenzagene rofi vini,e apportatori di letitia ne’meftì cuori. Viola fiore.fignific.tu mi violisti mi deridi, tu ti prendi beffe di me. Viola pallida.fign.amorofa pafiìone.però diceva il Petrarca. dimoro fette, e pallide viole ■ et oltre. S’vnpallor di viole, d‘amor tinto. Vipiftrello. vedi, nrefpertello. Vi trio lo, herba.vedi, vedriolo. Vi te, che produce la vua.fig.tufei la mia’Vita, il inio cuore, & il mio bene, io fon di maniera te co / vnito,& auiticchiato, che la mia vita non potrebbe durare fenza te->. fenza te mia’Vita non vaierei. Vliua. troua, Oliua. Vnicorno, troua. Liocorno. Vrtica. fig.amor caldo,& pungente.q. d.horaio veggio,che A more,il qual deprezzar foleui,ti cattila,hauendoti infirmato,& puntó.però diceuall Boccaccio. { Con più pungente ortica Amore s’ingegnò d’affligere l’anima mia.] _ Volpe,ò pdo.fig.tu vai Tempre con fraude, tu fei come fi dice, vna volpe vitiofa. però diceua l’Ariofto. E feguitò la donnafraudolente. ‘Di citi l’operefur, più che volpine. Vua agrefte. fìgmf. v’vai, douc vai cosi in fretta, afpetrail tempo *