Pagina:De' Rinaldi - Il mostruosissimo mostro, 1584.djvu/123


121 Strucclò penna.fgn!iomi ftrugg°Aconfamo per le ùnte pene,& affannile io fodero, Sulamelli.fign.io faccio al modo.che fi vfa? per che mi par meglio. Sufcine.troua,prune. ^ r-p Affano.fig.non ti affannare,noo riporre tan 1. to affanno di quella cofa. ( q«efttKr& Irrori fió £ S n cherò Te non Tamanfco.frn.io mi fonoarrifchiato.io ho prefo So, & ardire in farti fcgere, cheto tramo. Tartaro,ò pé na.fig. tarda pur qto vuoi,che tardi» òptépot’haur^,chedeIla tardavano nucuro Tarmfi ò tartufole.fign. tardo tu foftr ad arruffar Ta ri & àfccmderti, però folle è il tuo penderò, fe credi non effere flato veduto. Tafl’o ò pelo.fign. taci, che io so il tutto, non dir più nulla, cheio sòogni cofa. Tazza vafo. troua, bichiere.,. Tela, fig.fe tu l’hai tienila, che io te la dono. Tela di ragno, troua, ragno.. Teftudine,ò galana.fig.tu fei pur pegra,&_freddft nelle tue cofe.pò ftudia n pgo d edere pfta nel li tuoi fatti,& Ir t9fto,ne voler edere,come^