Pagina:De' Rinaldi - Il mostruosissimo mostro, 1584.djvu/122


Ilo Spina, vedi,fpinace. Spolette,fpecie di cappe, troua, cappe. Spoglia di (erpe.fig.fpogliaci delia fuperbia,che liai,ne volere elfere cosìfdegnolà,& cruda ver fo colui,che riama, troua afpide. Squalfacoda, ò penna.fig.ru fei vna Iqualfacoda, vna tiéte buona, e come fi dice, vna mufchiata. S tati lo, ò sferza, fig. mi %rà vn giorno forza di fare quaIche cofa fe vai dietro à quelle cofe. però ftààfegno,&àtìlo. Stella.fig.tu fei la mia ftella,& il mio bene,te fola amo. q. d. cornei!Parabofco,inquelfonetto. Di mia vita ilgouerno Amore ha dato

  • A sì cortefe dolce, e grata ftella,

C he malgrado de l’empia acerba,e fella, Che mi die il del, io viuero beato. Stellaraia h erba, fig.tu fei vna ftella ria, vna donna crudele. Storno,ò péna.fig.il tuo andare così in torma,& tompagnia, fà che mai non giungerai à nulla di quello che defideri.peròvà folo,& non temere di niente,&non cornei ftorni, chefempre vanno in torma, & fchiera, perchè ti bifogna feguire i pochi,& non la volgar frotta. però diceua l’Ariofto. Che li Homi, e colombi vanno in fchiera. E i daini, e i cerai, e ognanimai, che teme. Straie,ò faetta. fig. Amore mi hà ferito,& impiagato il cuore.per te tutto contento ardo, & Jan guifeo. quali dica come il Petrarca. L’alto Signor dinanzi à cui non vale SSfjfconder, ne fuggir, ne far difefa, Di bel pender firn’ha la mente accefa, C on vrìardente,èr amorofo Tirale, Srringa.fig.aftringati, ftà in ceruello, che hora è il tempo. Storione