Pagina:De' Rinaldi - Il mostruosissimo mostro, 1584.djvu/119


Sino d la morte, e piufe fu fi note, O fami amor benigno, om vfi orgoglio > O me fortuna in alto, o in bajjo ruote, Jmmobil fon di verafede [cogito, Che d! opri intorno, il vento e il mar percuote. Negiamai per bonaccia, neper verno, Luopo mutarne muterò in eterno. Scorza di qual fi voglia cofa.fign.tu vai di fopra via, non penetri, non entri nel buono. Se<* a,ò feghetto.troua,falce. Secala fpetie di grano, fign. e troncata, & lecata Za ni ala, non portò pi§ far nulla, che tutte le vie fono vane, & fenza profitto. • Selce,pietra da fuoco.fign.tu non moftn di fuor quello,che hai nel cuore,pero chemmoftndi non curarti di quefta cofa, & poi nefei defiderofa,& calda, però fe mi lice,ti prego à Coprir mi l’animo tuo,ne volere edere, come emetta pietra”che nel feuo afcondeil fuoco,& difuori è tutta ghiaccio. Sempreuiua herba. trotta, orecchiata. Senape,ò fenoua. fign.fe cosi e,npn hai perceno alcuna ragione à moftrarti cosi calda di quefto ma ti efcufo, perchè sò che in ciò tu fei noua> & che non fai l’vfo, però fe la non vaa tuo mo do porta pati entia. Serpilo.fig- amore,che và ferpendo,& crefcend© Sera dTqS f v°g^w“’ or ^f° la P erò: l’S-f ’ tlce; & non fi dice, ne fi fà cosi fapere i fatti fuoi ad o^ni vno 3 rna tidico,chefi tace,, Setaccio,ò tamife.fig.fe io tacciono no dico nul n 3