Pagina:De' Rinaldi - Il mostruosissimo mostro, 1584.djvu/118


II<5 menti, fei dura,comelapietra’, in tenon fi tro tiapietade.onde dice Dante in quella càzone. Così nel mio parlar voglio ejf ir afpro, Come negli atti quefla bella petra, La quale ogni hor impetra Maggior durezza, & più natura cruda. Sauina,herba. vedi, faluia. Scalogne,ò cipole mahgne.fig.quantunquc luti moftri cosi infiammata di me,pure à certi t nel ti conofco,che mi deridi,& dai la burla,& che mi (calegni, come fi dice, perchè fei vna maligna, & mal uaggi a. Scarpete. fig.piglia quefte,có le quali ti dico,che mi Tei cara,& che p te m’arde il cuore nel petto, si chenon trouaquiete.quantunque io fia certo,che non mi ami,& che come fi dice, tieni il piede il più fcar pe. Schiratto,ò fchirattollo,ò pelo.fig.tu ftai Tempre in atto di fchernirmi,Tempre mi fai paura.tanto ratto ti muoui, che pari Tempre irato. Scopa, ò granadello fign.tu mi fpacci, non vuoi più, che io fia tuo. tu mi rifiuti. vfafi donare la Tcopa à quelli, che le loro amate donne, ò i loro amanti ad altri fi congiungono, per quella, inoltrando, che li rifiutano. Scorpione-fig.piùnon hò il cuore, perchè me lo hai Tcarpito, & rubato, & Te non me lo rendi mi farai fcoppiare,& morire. * Scotella.fig.fela brami, fedefideri di hauerlarifcuotela.altrimente non l’hauerai. Scoglio dipinto nel mezo dell’acqua.fig.io só fer mo,& coftate,ne mai pauerTa fortuna só p mti tarmi;anzi co l’animo intrepido fon p contraltare à qual fi voglia infortunio.quafi dica,come l’innamorata Bradamante à Ruggiero. %gggier qualfemprefui, tal’ejf ir voglio, Sino