Pagina:De' Rinaldi - Il mostruosissimo mostro, 1584.djvu/101


$9 Ira è breue furor, e chino lfrena, E furor longo, che‘1fuo pofjejjore Speflo a vergogna, e tal’hor mena a morte. _ Lifcio,ò belletto, lignifica, togli lifcia ti, & latti Liuto.fign. tul’baihauutoquello, che defidera ui, allegrati adunque,&fà fetta. Lodola,augello,ò penna, fign. io lodo, io ne di co ogni bene.., Lo «fio, lpetie di biada, fign. tu fei vn balordo, <3c infenfato.tu non fai quello,che tu il taccia, ò dica, tufei tagliato,come fi fuol dire. Lontra, o lodra,animale acquatile, & terreftre, ò pelo.fign.nuota pu’re,& camma doue vuoi, che l’onta, il dHpiacere, che mi hai fatto non patifce, che io ti lafci andare cosi impiu nito.però (appi > che in ogni luoco ti feguiro, che io non soglio, che di ciò tua lodi, o ’Vanti. Lucarino, ò penna.fi gn. tu non fei più la mia cara luce, ne la mia fperanza. Lucerta.fign.mfei la mia certa,& vera luce, tu fei il mio bene....... Luccio pefce.fign.fe io luco, fe io fon bello, ciò hòà piacere. Lucciola, animaletto notturno, lignifica, cara la mia luce, & vita, fe per tema de i inalatoli non mi puoi moftrareil giorno 1 animo tuo, fcuoprimiloal meno di notte, fa come quello animaletto il quale temendo, cheli fole non gli offufchi la fua luce, non appare le no di notte quella inoltrando. LufcioniuolOjò penna, trotta, Rofigniuolo. Lumaca,ò chiocciola.fign.inuero,che fei pcgra nelle tue cofe,ma in ciò ti efcufo,perchè veg* gio, che hai gran carico fopra il dolio. Gì Luna,