Apri il menu principale

Pagina:Cristoforo Colombo- storia della sua vita e dei suoi viaggi - Volume I (1857).djvu/74

66 libro primo


Nell’atto d’istituzione del maggiorasco, steso il 22 febbraio 1498, a profitto della sua discendenza, il grande Ammiraglio dell’Oceano, vice-re delle Indie, dice in propri termini ch’è nato a Genova: «siendo yo nacido en Genova;» indi raccomanda a’ suoi eredi di favorire, senza nuocere alla Corona di Spagna, tutto ciò che sarà d’onore e vantaggio di Genova, città nobile e potente sul mare, «Ciudad noble y poderosa por la mar.» E spiega questa predilezione dicendo altresì — di là io sono uscito, e là io sono nato «della sali, y en ella naci».

Un’affermazione così chiara e così esplicita nel suo laconismo mette fine ad ogni esitazione, e non ammette alcun comentario. Noi dovremmo dunque passar oltre. Nondimeno, per convincere con luminose evidenti prove l’ostinazione de’ contraddittori, dopo udito Cristoforo Colombo e suo padre, sentiam anche suo figlio. Produciamo finalmente una testimonianza che allegrerà l’amor patrio de’ Genovesi, confermando loro invincibilmente il diritto unico di dirsi i concittadini di Cristoforo Colombo.

Il secondo figlio del grande Ammiraglio dell’Oceano, l’abate don Fernando Colombo, che Spotorno accusò di aver voluto traviar l’opinione e occultare il vero luogo della nascita di suo padre, ha, nel suo atto di ultima volontà, ricordato che suo padre era di Genova: ei quivi si qualifica «figlio di don Cristoforo Colombo genovese». E appunto perchè suo padre, suo avo, e la maggior parte de’ suoi parenti paterni erano di Genova il figlio di Cristoforo Colombo si considerava anch’egli come genovese di origine; amava la lingua italiana, la sola che abitualmente parlasse appena era fuori del territorio spagnuolo: rivendicava le memorie della culla paterna: diceva che Genova era sua patria; e se ne prevaleva per invocare, a questo titolo, il concorso d’ogni onesto genovese nell’acquisto e nella spedizione delle opere stampate o manoscritte che faceva ricercare ne’ paesi stranieri, affine di comporre la sua preziosa biblioteca, ch’esiste tuttavia a Siviglia. In contraccambio della gloria, che, nascendo nelle sue mura, suo padre aveva legato a Genova, don Fernando Colombo si teneva sicuro dell’affetto di tutti gli abitanti di questa città: considerava un genovese, in qualunque