Pagina:Chi l'ha detto.djvu/142

110 Chi l’ha detto? [373-376]

dà un’altra versione di questo aneddoto: «Il me souvient qu’une fois, m’estant allé pourmener à Chambord, un vieux concierge, qui estoit céans et avoit esté valet de chambre du roy François, m’y reçeut fort honnestement, car il avoit dès ce temps-là connu les miens à la cour et aux guerres, et luy-mesme me voulut monstrer tout; et m’ayant mené à la chambre du Roy, il me monstra un escrit au costé de la fenestre: Tenez, dit-il, lisez cela, monsieur, si vous n’avez veu de l’escriture du Roy mon maistre, en voilà: et l’ayant leu, en grande lettre il y avoit ce mot: Toute femme varie

Del resto anche Virgilio nell’Eneide (lib. IV, v. 569-570) scrisse:

373.   ....Varium et mutabile semper
Femina.1

e il Tasso nella Gerusalemme liberata (c. XIV, ott. 84):

374.   Femmina è cosa garrula e fallace,
Vuole e disvuole: è folle uom che sen fida.

— che proprio sembrano la parafrasi dei due versi proverbiali francesi, — ed egli stesso in altri de’ suoi componimenti aveva detto:

....In breve spazio
S’adira e in breve spazio anco si placa

375.   Femina, cosa mobil per natura

Più che fraschetta al vento, e più che cima
Di pieghevole spiga.

e quasi il medesimo verso

376.   Femina è cosa mobil per natura.

si ritrova nel Petrarca, in un Sonetto in vita di M. Laura, numero CXXXI secondo il Marsand, che comincia: Se ’l dolce sguardo di colei m’ancide, ed è il son. CL dell’ediz. Mestica condotta sugli autografi.

  1. 373.   La donna è sempre cosa varia e mutevole.