Apri il menu principale

Pagina:Canti di Castelvecchio.djvu/60


44 la voce

   a quei dì beati e fugaci
che aveva i tuoi baci Zvanî!

   che m’addormentavano gravi
campane col placido canto,
   e sul capo biondo che amavi,
sentivo un tepore di pianto!

   che ti lessi negli occhi ch’erano
pieni di pianto, che sono
   pieni di terra, la preghiera
di vivere e d’essere buono!

   Ed allora, quasi un comando,
no, quasi un compianto, t’uscì
   la parola che a quando a quando
mi dici anche adesso... Zvanî..