Apri il menu principale

Pagina:Canti di Castelvecchio.djvu/242


226 note

Lega, “Caccie e costumi degli uccelli silvani (Città di Castello, Lapi, 1892, ora alla seconda edizione)„ Dal qual libretto ho preso anche, con una lievissima modificazione, il verso arido dello sgricciolo: trr trr trr terit terit.


Ora alle soavi lettrici voglio spiegare qualcos’altro. Non credano mai le mie soavi lettrici che io inventi! Non son da tanto. E poi, non mi pare che si debba e che... si possa. Tutte sanno per certo che non io ho trovato che la lodala loda Dio e che il merlo (e anche la capinera) fischia Io ti vedo (pag. 100). Qualcuna può ignorare invece che al cuculo si grida (pag. 86): “Cuculo di là dal mare, Quanti anni ho da campare?„ Qualche altra può ignorare che in Romagna nel chicchiricchi dei galletti sentono il grido: Vita da re... (pag. 115-6). E così qui, quando la pentola fa i sonagli, dicono che “passano i miccetti„ (pag. 167-8). E così, quando il bambino vagisce, qui sentono che egli grida: Ov’è? Ov’è? e gli dicono: Ov’è chi? il babbo? il puppo? (pag. 163 sgg. ). Sanno tutte, le mie soavi lettrici (a proposito di ov’è? ov’è?), che ai fratellini e alle sorelline del nuovo venuto si suole spiegare la sua apparizione nei modi adombrati in quel Canto: che l’hanno preso in una ceppa di castagno, che l’hanno comprato alla fiera, che l’hanno impastato le monache, che è stato preso in paradiso (cfr. anche a pag. 93); e vai dicendo. Non sanno forse tutte che il brivido che qualche volta ci scuote all’improvviso è interpretato (in Romagna, che io sappia) come il passaggio della morte (pag. 25-26); che in Romagna si raccomanda veramente di sparecchiare dopo cena, perchè,