Apri il menu principale

Pagina:Canti di Castelvecchio.djvu/212


196 casa mia


“ci ristringemmo un poco,
con le tue bimbe; e fanno...„
Era il suo dire fioco
fioco, con qualche affanno.

S’udivano sussurri
cupi di macroglosse
su le peonie rosse
e sui giaggioli azzurri.

“Fanno per casa (io siedo)
le tue sorelle tutto.
Quando così le vedo,
col grembiul bianco, in lutto...„

Io vidi allor la mia
vita passar soave,
tra le sorelle brave,
presso la madre pia.

Dissi: “Oh! restare io voglio!
Vidi nel mio cammino
al sangue del trifoglio
presso il celeste lino.

Qui sperderò le oscure
nubi e la mia tempesta,
presso la madre mesta,
tra le sorelle pure!

Lavorerò di lena
tutto il gran giorno; e sento
ch’alla tua parca cena
m’assiderò contento,