Apri il menu principale

Pagina:Campana - Il più lungo giorno, manoscritto, 1913.djvu/107


 
Ma un giorno
Salirono sopra la nave le gravi matrone di Spagna
Da gli occhi torbidi e angelici
Dai seni gravidi di vertigine.
In una baia profonda di un'isola equatoriale
Dentro In una baia profonda di un'isola equatoriale
In una baia tranquilla e profonda assai più del cielo notturno
Vidi sorgere ne la luce incantata
Una bianca città addormentata