Apri il menu principale

Pagina:Campana - Il più lungo giorno, manoscritto, 1913.djvu/100


Alba


..... poi chè nella sorda lotta notturna
La più potente anima seconda ebbe frante le nostre catene
Noi ci svegliammo piangendo ed era l’azzurro mattino:
Ombre d’eroi veleggiavano: eran colonne d'azzurro
I puri pensieri dell'alba o cuore ricorda: ricorda e rico
piangendo


Giurammo ancor fede all'azzurro