Pagina:Boccaccio - Decameron II.djvu/46

40 giornata sesta