Pagina:Barrili - Castel Gavone.djvu/275


na sorpresa.


Ora, siccome il nostro bravo Campora solea mettere in tutte le cose sue poco intervallo tra il pensare ed il fare, a mala pena ebbe pigliata questa risoluzione, uscì dalla sua baracca per andarne a chieder licenza a messer Pietro, padron suo riverito.

S'aspettava qualche po' di contrasto; ma, con sua gran meraviglia, non ci fu nulla.

— Bravo! — gli rispose il capitano generale. — Stavo appunto per

mandarti a cercare e chiederti se volevi farmi compagnia.

— Che? come? — farfugliò il Picchiasodo, inarcando le ciglia. — Voi,

magnifico messere?

— Sì, io. Che ci trovi di strano?
— Eh, mi sembra che ce ne sia la sua parte. Gli è un colpo ardito,

quello che si tenta, con questi furfanti di tre cotte. E se ci andasse a male? Se quei di lassù stessero in guardia? Se fossero stati avvisati?

— Baie! Chi vuoi tu che li abbia avvisati? E fosse pur vero, che vuoi

tu che s'aspettino proprio stanotte da noi? E poi, vedi, Anselmo; chi non risica... Lo conosci, il proverbio?

— Non rosica; lo capisco; — soggiunse il Picchiasodo, chinando la

fronte.

— Orbene, — proseguì messer Pietro, — ce n'è anche un altro che fa al

caso nostro. Dal farle tardi Cristo ti guardi! Ora, questa s'ha da far subito, o mai. Genovese aguzzo, piglialo caldo. —

A queste parole il Picchiasodo non potè ritenersi dal ridere.

— Scusate, messer Pietro; — diss'egli, con piglio di rispettosa

dimestichezza; — siete tutto proverbi, stassera.