Pagina:Baretti - Prefazioni e polemiche.djvu/392



Senza tener conto delle prefazioni a opere che verranno ripubblicate in questa collezione e di brevi prefazioni di poco momento (come, per es., quella che precede V Introduction io the Italian language, containing specimens both of prose and verse ecc., London, printed for A. Millar, mdcclv), non entrano in questo volume né quelle Remar ks on the Italian language and writers in a letter front M. Joseph Baretti to an English gentleman at Turin, written in the year ly^i (in Observations on the Greek and Roman classics in a series of letters to ayoung nobleman ecc., London, Dan-Browne, MDCCLiii), che hanno spesso acre sapore polemico, ma che, ad avviso mio e di altri, non furono certo scritte dal Baretti in inglese; né quella Prefazione del signor Giuseppe Baretti, segretario della regia Accademia di pittura di Londra, alle Poesie del signor abbate Pietro Metastasio poeta e bibliotecario cesareo (Parigi, presso Pietro Durand, mdcclxxiii), la quale non è altro che la riproduzione fedele dell’articolo che sul Metastasio il Baretti pubblicò nel numero ih della Frusta letteraria. E cosi restano fuori tanto V Account of the manners and customs of Italy, with observations on the mistakes of some tr aveller s, with regard to that country (London, printed for T. Davies, mdcclxix; 2* ediz.), con la relativa Appendix added iti answer to Samuel Sharp, Esq.\ quanto il Tolondron, Speeches to fohn Bowle about his edition of «Don Quixote», together with some account of Spanish literature (London, printed for R. Faulder, mdcclxxxvi); i quali per la loro mole possono da soli formare un bel volume. E finalmente non entreranno, almeno per ora, nella collezione, perché purtroppo irreperibili, i seguenti scritti di cui riferisco qui i titoli come ce n’è giunta notizia: I. Pro jet pour avoir un opera italien á Londre s dans un goiit tout nouveau (Londres, 1753); ii- La voix de la discorde, ou la bataille des violons. Histoire d’un attentai séditieux et atroce contre la vie et les biens de cinquatite chanteurs et violinistes (Londres, 1753); III. Proposai for publishing by suscription a complete edition in Spanish of the «Historia del fray Gerundio» ecc. (London, 1771); IV. Dissertacion epistolar acerca unas obras de la real Academia espanola ecc. (Londres, 1784).

Della maggior parte degli scritti qui raccolti mancano, per quanto io ne so, gli autografi; onde per essi non ho potuto far altro che attenermi fedelmente alle prime edizioni, curate dallo stesso Baretti, le quali per tutti, salvo che per uno, furono anche