Pagina:Baretti - Prefazioni e polemiche.djvu/181



contro ragione essere calunniato in un altro, anzi in cent’altri, dove parla poco meno che come un santo padre. Il vedere un uomo malmenato da molti a un tratto è cosa che ripugna a quella certa dolcezza che la natura ha posto ad ognuno nel cuore, e massime quando si dá il caso che i molti che malmenano l’uno sieno gente dammeno di quell’uno. Ciascun uomo è naturalmente proclive a soverchiare tutti li altri; ma nessun uomo ama la soverchieria in altrui, come che l’ami in se stesso. Frai troppi zelanti che, prima e dopo della fulminazione di quelle scomuniche, si fecero a versare ogni genere di vitupèri addosso al povero Niccolò, molti erano gente dabbene; ma molti erano altresí cialtroni tali da non meritare d’allacciargli le scarpe, malgrado anche le tante turpi cosacce uscitegli dalla penna. Aggiugniamo a questo, che non pochi di que’ cialtroni cercarono troppo apertamente di sostituire alle cattive dottrine di Niccolò delle dottrine cattive egualmente, e non direi forse male se dicessi anche peggiori, poiché ad un empio genere di tirannia inculcato da lui tentarono di sostituirne un altro non meno empio e vieppiú insopportevole.

Lo zelo mal composto di coloro, aggiunto a quelle scomuniche, fu cagione, come dissi, che chiunque s’ebbe un po’ di senapa nell’animo non si raccapricciò punto di leggere quell’opere; e molti furono eziandio si burberi e si perversi, che s’avventurarono perfino a multiplicarne li esemplari pel facile mezzo delle stampe, onde chiunque s’avesse la foia che avevano avuta essi potesse presto cavarsela. Né si fecero quelle ristampe solamente in que’ paesi che si comprendono sotto l’appellativo d’«eretici», ma in alcuni altresí che vanno sotto quell’altro di «cattolici».

La presente edizione non è fatta in paese cattolico né da cattolica persona, ma in Inghilterra e da un libraio inglese, il quale non cura interdetti né scomuniche, e bada solo a quello che giudica potergli riuscire lucroso sul mestiero che professa. Il motivo che l’ha indotto a raccogliere tutto quello che va a stampa di Niccolò e a ridurlo in questi tre volumi, è dunque