Pagina:Bandello - Novelle. 4, 1853.djvu/67


e quella cosa che ciascuno sa e sí spesso si nomina, chiare e freschissime fontane. Ultimamente disse uno che ci era un assai bel tempio dei monachi di santo Benedetto, edificato a la moderna. – Or andiamo fin lá, – disse il Peretto. E cosí in compagnia di molti, che per onorarlo andavano seco, s’inviò verso San Pietro. Farò qui un poco di digressione a ciò che maggior piacere de la novella possiate prendere. Era il Peretto un omicciuolo, molto picciolo, con un viso che nel vero aveva piú del giudeo che del cristiano, e vestiva anco ad una certa foggia che teneva piú del rabbi che del filosofo, e andava sempre raso e toso; parlava anco in certo modo che pareva un giudeo tedesco che volesse imparar a parlar italiano. Ora tornando ove lasciai, poi che ebbero il tempio assai a bastanza contemplato, usciti di quello, cominciarono a venir per la strada dritta che conduce al convento dei frati carmelitani; e giunti al mezzo di detta contrada, furono veduti da due assai belle e festevoli donne, che per iscontro l’una a l’altra a dui balconi stavano a pigliar fresco e ragionare. Una di loro, veduto venire il Peretto con sí gran compagnia, disse a la compagna, credendo fermamente ciò che diceva: – Compagna, non vedi Abraam giudeo, come ne viene in qua ben accompagnato? Egli deve oggi aver fatto banchetto, o che fa qualche gran festa a la ebrea, che ha tanta gente seco. – Sí certamente, – rispose l’altra, – egli deve nel vero aver fatto nozze. Mira come ne viene con gravitá – S’appressava tuttavia il Peretto e veniva sotto le finestre ove erano le due donne, le quali fermamente credevano lui esser Abraam giudeo, cosí d’aspetto e di vestire il simigliava. Il perché una de le donne, alquanto piú baldanzosa de la compagna, come il Peretto fu dinanzi a loro, festevolmente ridendo gli disse: – In buona fé, Abraam, se tu ci avessi invitate a coteste tue nozze o sia banchetto che fatto hai, che noi in compagnia de le tue giudee ci saremmo volentieri venute. Noi diciamo bene a te, messer Abraam, che vai cosí gonfio e sul tirato con questi nostri modenesi. – A queste parole il Peretto turbatissimo, alzata la testa, le disse: – Che diavolo dite voi? che diavolo è questo? Sono forse io reputato giudeo da voi, donne modenesi? Che venga fuoco del cielo che tutte v’arda! ché in vero sète animali tanto stolti e goffi e in tutto pazzi, che il savio Platone sta in gran dubio se voi donne deve porre tra gli animali razionevoli o tra le bestie. E di noi piú saggi assai sono i turchi, i quali non permetteno che in cosa civile né criminale a testimonio di donna si debbia dar fede, se bene fossero tutte le donne di Turchia insieme. – Le donne, udendo queste pappolate