Pagina:Bandello - Novelle. 4, 1853.djvu/174


quelle contrade di grandissimi danni, aspettandosi ogni dí peggio, con vituperio indicibile di tutta cristianitá, che oggimai è stata ridotta in un cantone de l’Europa, mercé de le discordie che tra i prencipi cristiani si fanno ognora maggiori. Quelli che deveriano opporre il petto a le forze e crudeltá turchesche, tanto sangue cristiano hanno sparso, che saria stato bastante a ricuperare l’imperio di Constantinopoli e il reame di Gierusalem. Tra gli Angioini ed Aragonesi quanti fatti d’arme nel regno di Napoli fatti si sono, di modo che bene spesso Napoli in poco tempo ha tre e quattro signori cambiati? Milano ora dagli Sforzeschi ed ora da’ francesi ed ora da’ spagnuoli s’ha veduto comandare. In Ispagna i popoli hanno preso l’arme contra i suoi governatori; parte di Navarra da la casa di Lebretto è passata ne le mani degli Aragonesi, e tutta Spagna a’ tedeschi è soggetta. Il sangue proprio de la casa reale al re suo di Francia è stato rubello, e il duca di Borbone, fuggito dal re, a l’imperadore s’è accostato. Abbiamo veduto il gran pastor di Roma, di tedeschi e di spagnuoli prigione, aver la libertá comprata da Carlo imperadore, e Roma crudelissimamente essere stata saccheggiata, spogliate le chiese, violate le monache, e tutte quelle crudeltá essercitate che si possano imaginare, di modo che i gotti altre volte furono piú pietosi. L’Alemagna, tra sé divisa, si va consumando con le sue Diete. L’imperadore e il re di Francia ora sono in guerra ed ora in tregua, e pure accordio non si vede. I veneziani sono stati sforzati a comprar la pace dal Turco e dargli parte de le terre che in Levante s’avevano acquistate. Il re d’Inghilterra, tributario de la Chiesa, e che cosí dotta e catolicamente ha scritto contra gli errori a’ nostri dí nati, da le proprie passioni e disordinati appetiti vinto, s’è a la Chiesa ribellato e fattosi capo di nuova eresia, suscitando ne l’isola una nuova setta e un nuovo modo di vivere non piú visto o udito. E certo noi possiamo dire che pochissime etá hanno veduto cosí subite mutazioni come noi veggiamo tutto il dí, né so a che fine le cose debbiano terminare, perché mi pare che andiamo di mal in peggio e che tra’ cristiani sia piú discordia che mai. Ragionandosi adunque de l’esser de la nostra etá e de le molte mogli che il re d’Inghilterra s’ha preso, messer Liberio Almadiano, viterbese, che lungo tempo aveva praticato in Inghilterra, narrò il tutto brevemente. Il che avendo io scritto e ridutto al numero de le mie novelle, l’ho voluto publicare sotto il vostro nome, come testimonio de l’amicizia che, poco è, in Linguadoca tra noi s’è cominciata. State sano.Novella LXII

De le